Casale Emanuele

Casale Emanuele

Emanuele Casale compone musica dall’età di tredici anni. Ha studiato Contrabbasso con Sebastiano Nicotra, Composizione con Eliodoro Sollima, Musica Elettronica con Alessandro Cipriani. Ha completato i suoi studi presso l’Istituto Musicale Vincenzo Bellini di Catania. Ha frequentato corsi di perfezionamento con Aldo Clementi, Salvatore Sciarrino (Composizione), Giorgio Nottoli e Barry Truax (Musica Elettronica).
 
Ha vinto i seguenti concorsi internazionali di composizione: 
Primo Premio all’Irino Prize di Tokyo. 
Primo Premio al Reading Panel di Parigi (IRCAM – Ensemble Intercontemporain). 
Primo Premio al Concours International de Musique Electroacustique di Bourges, Francia.
Primo Premio al GRAME del Centre National de Création Musicale di Lione.
Primo Premio nella sezione Juniores e Primo Premio nella sezione Senjores alla tribuna IREM dell’International Music Council – UNESCO (Copenaghen – Parigi).
Per tale riconoscimento Emanuele Casale è stato premiato dal Segretario Generale ai Beni Culturali della Repubblica Italiana con il premio UNESCO.
 
Al Concorso di Composizione del Frankfurt Opera House (Francoforte), una commissione presieduta da Wolfgang Rihm e George Benjamin gli ha conferito il Primo Premio per rappresentare l’Italia in una selezione per soli quattro compositori europei premiati con la stessa onorificenza.
 
Emanuele Casale è inoltre vincitore del Premio CEMAT di Roma e della selezione per l’Accademia delle Arti di Berlino dove ha ottenuto il Primo Premio con il 100% di votazione da parte della Giuria.
 
Nel 2003 è stato l’unico compositore scelto dal direttore musicale del Teatro La Fenice di Venezia per comporre un lavoro per grande orchestra e inaugurare la riapertura del teatro restaurato.
 
Ha ricevuto commissioni e residenze da importanti istituzioni e gruppi musicali quali il Frankfurt Opera House, l’Ensemble Intercontemporain di Parigi, l’Istitute International de Musique Electroacoustique de Bourges, l’Akademie der Künste di Berlino.
 
Vari interpreti, formazioni cameristiche e sinfoniche hanno suonato sue musiche: Alter Ego, Mario Caroli, Anna Clementi, Pascal Gallois, Ensemble Intercontemporain, Icarus Ensemble, Ensemble L’Itineraire, Ensemble Modern, Ensemble Mosaik, Antonio Politano, Ensemble Risognanze, Ex Novo Ensemble, Danish Chamber Players, Kammerensemble Neue Musik, United Instruments of Lucilin, Orchestra Sinfonica Siciliana, Orchestra del Teatro La Fenice di Venezia, Orchestra del Teatro Massimo di Palermo…
 
Le sue composizioni sono state eseguite in Rassegne Concertistiche, Associazioni e Istituzioni quali Sibelius Academy, YLE Radio, Musica Nova (Helsinki), Radio Nazionale Polacca, Memorie Sonore, Media Artes, Ny Music, Sveriges Radio (Svezia), Conservatoire de Paris – Cité de la Musique, Centre Pompidou, Salle Cortot, Radio France (Parigi), Synthèse, Maison de la Culture (Bourges), Czech Radio (Repubblica Ceca), CEMAT – Sonora, Nuova Consonanza, RAI Radio 3, Istituto di Cultura Svizzera, Accademia Tedesca Villa Massimo (Roma), Mappe (Catania), Palermo di Scena, Università di Palermo, Musica su più dimensioni (Palermo), CBC Radio Music (Canada), Accademia Musicale Chigiana (Siena), Teatro Malibran, Teatro La Fenice (Venezia), Radio Nazionale Svizzera SRG/SSR, Tuchfuhlung 2, Klang Aktionen, Erlebnis Music, Im Lichthof, Inventionen, Akademie Der Künste (Germania), Radio Nazionale Ungherese, Radio Nazionale Danese, Iowa University, University of Maryland, Fine Art Studio (U.S.A.), Radio Classica (Spagna), Siglo XX – Radio Beethoven (Santiago del Cile), Ilkhom-XX (Uzbekistan), Festspiele Erl, Radio ORF (Austria), Frankfurt Opera House (Francoforte), Radio Nazionale Slovena, Agon (Milano), CIRM (Nizza), Museo d’Arte Moderna e Contemporanea di Strasburgo, Place d’Armes (Lussemburgo), International Gaudeamus Music Week, Radio Nazionale Olandese Vpro Radio (Amsterdam), Voice of Music IBA (Israele), Radio Nazionale Norvegese NRK, Radio National (Argentina), Festival International Cervantino (Città del Messico), Huddersfield, BBC Radio (Inghilterra) e molte altre.
 
I lavori di Emanuele Casale sono editi da BMG Ricordi e Nuova Stradivarius.
 
È direttore artistico dell’Associazione Musicale Etnea e docente di Musica Elettronica all’Istituto Superiore di Studi Musicali Vincenzo Bellini di Catania.

Rassegna stampa
 
(…) “Un’evidenza semantica quasi teatrale (…), gioco ironico di azioni e reazioni asciutte e rapide (…), estatiche schiarite (…), trasparente”. “Microcellule impazzite che puntano alla sorpresa e su un vitalismo gioioso e trascinante”. (Mario Messinis, Il Gazzettino).
 
(…) ”Travolgente e sorprendente (…). Evento meraviglioso!” (Helsingin Sanomatha, il più autorevole e diffuso quotidiano finlandese).
 
(…) ”Splendido brano di musica che, ne sono certo, sarà largamente diffuso”. (Guy Hot, segretario generale dell’International Music Council – UNESCO).
 
(…) “Coinvolgente (…) nitida sicurezza di scrittura, nervosa tensione” (Paolo Petazzi, L’Unità).
 
(…) ”Pregevole partitura (…). Scaltrita e di originale finezza timbrica la scrittura orchestrale, inizialmente brulicante e scossa da violenti sussulti, quindi impalpabile e suggestiva rarefazione”. (Pietro Misuraca, Il Giornale di Sicilia).
 
(…) “Lavoro eccellente e spiritoso, che noi americani descriveremo come “funky””. (Larry Austin, Computer Music Journal).

1–9 di 10 risultati